<<<ottobre 2017>>>
 lmmgvsd
39 1
402345678
419101112131415
4216171819202122
4323242526272829
443031

    


Press area e News




EVENTI
31/10/2017 - 31/10/2017
Detrazione fiscale al 50% per acquisto impianto di allarme e/o sistemi di videosorveglianza per casa
Detrazioni fiscali per impianti antifurto e/o sistemi di video-sorveglianza

Detrazione impianto di allarme, istruzioni per agevolazione fiscale, nell’ambito delle misure per le agevolazioni alle ristrutturazioni edilizie, rientrano anche le detrazioni fiscali per coloro che acquistano impianti di antifurto e allarmi per la propria abitazione o ufficio e negozio. Le novità introdotte con il decreto legge numero 83 del 22/6/2012 permettono ora una detrazione del 50%, più ampia rispetto al 36% del 2011,2012,2013,2014.
C’è tempo fino al 31 dicembre 2016 per godere di questa agevolazione fiscale che però non terminerà dopo tale data ma tornerà al 36%.
Sono quindi detraibili tutte le spese sostenute , comprese quelle relative alle installazioni, perizie, sopralluoghi, progettazione, oneri di urbanizzazione fino ad un massimo di 96mila euro compresa la detrazione fiscale per impianto di allarme.
Quindi via libera all’ acquisto di sistemi di sicurezza, allarme, impianti di video sorveglianza, ma anche a porte blindate, cassaforti a muro, sensori, rilevatori di apertura posti sui serramenti, tapparelle blindate, grate e cancelletti per finestre.

Quanto si può detrarre:
il 50% della spesa sostenuta. Esempio: acquisto di un sistema di allarme costato in totale 15mila euro. Possono essere detratte dalla dichiarazione dei redditi ai fini Irpef 10 rate di uguale importo per 10 anni (con il vecchio provvedimento chi aveva 75 anni poteva spalmarle in 5 anni e chi più di 80 in 3 anni). Quindi 1500 euro ogni anno di detrazioni.
Iva al 10%:
Gli impianti di allarme godono dell’Iva agevolata al 10% ma solo su una parte delle spese sostenute relative alla differenza tra costo totale e spese per il bene significativo. Esempio: costo totale dell’ allarme: 8mila euro. Costo dei beni significativi (sensori, centralina, videocamere ecc) 5mila euro. Possiamo godere dell’Iva agevolata solo sulla differenza tra spese totali e costi beni significativi (8000-5000=3000), quindi iva al 10% solo su 3mila euro.
Chi può usufruire delle detrazioni per impianto allarme: il proprietario, ma anche il locatore o il nudo proprietario o il familiare del detentore dell’ immobile. Soci di coop, cooperative, società semplici, imprenditori individuali per gli immobili non rientranti fra beni strumentali o merce.
Cosa fare per godere delle detrazioni fiscali impianti di allarme: innanzitutto il pagamento alla ditta che esegue l’installazione va effettuato via bonifico in cui è rintracciabile codice fiscale di chi beneficia delle agevolazioni, codice fiscale o partita Iva di chi riceve il pagamento.
Nella dichiarazione dei redditi vanno indicati i dati catastali identificativi dell’immobile ove viene installato il sistema di sicurezza e, se i lavori sono effettuati dal detentore, gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo e gli altri dati richiesti per il controllo della detrazione.
Bisogna poi essere in possesso per poterli eventualmente esibire:
-domanda di accatastamento in caso l’immobile non fosse censito;
-ricevuta pagamento Imu.

link : http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2016-05-19/detrazione-65percento-domotica-ecco-istruzioni-entrate-125713.shtml?uuid=ADOnZLL&refresh_ce=1

link : http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia+comunica/Prodotti+editoriali/Guide+Fiscali/Agenzia+informa/pdf+guide+agenzia+informa/Guida_Ristrutturazioni_edilizie.pdf

link : https://www.fiscoetasse.com/blog/detrazioni-ristrutturazioni-bonus-mobili-le-novita-2016/

Link correlati
stampa